2×08: La nobile arte del doppiaggio

testata-2x08

Doppiaggio questo sconosciuto.

Questa puntata assurdamente ricca di ospitate con la “O” maiuscola ideata, scritta, diretta ed interamente doppiata da Carlo Burigana, vede l’esordio autorale proprio di quest’ultimo che irrompe nel gruppo di DVL portando un’esclusiva intervista ad Alberto Angrisano, attore e doppiatore italiano che ha dato la voce a personaggi del calibro di Idris Elba, Samuel L. Jackson, John Malkovich e Tim Roth; da appassionato giocatore di videogames ci dice la sua sulla qualità del doppiaggio videoludico italiano e su come si lavora in studio di registrazione.

Ringraziamo vivamente anche il cast di attori doppiatori

  • Massimo Corvo (voce italiana di Laurence Fishburne, Vin Diesel, Sylvester Stallone)
  • Christian Insante (voce italiana di Bradely Cooper, Joseph Fiennes, Sam Rockwell)
  • Barbara De Bortoli (voce italiana di Naomi Watts, Sarah Jessica Parker, Claire Danes)
  • Sandro Acerbo (voce italiana di Brad Pitt, Will Smith, Michael J.Fox)
  • Francesco Cavuoto (voce italiana di Chris Bridges, Martin McCann, Matt Walsh)
  • Davide Marzi (voce italiana di Adrien Brody, Emile Levisetti, Rufus Sewell)

per i loro affettuosi saluti alla trasmissione.

Tutto questo sembra abbastanza? E invece no, perché nel consueto episodio di chiusura dei Gerontogamers interviene anche Chiara Colizzi (voce italiana di Nicole Kidman, Uma Thurman e Kate Winslet) a fornire una sensazionale interpretazione insieme allo stesso Carlo. Non perdeteveli!

  • Il doppiaggio: come si fa. Una carrellata sui processi lavorativi e sulle figure professionali del doppiaggio. Le principali differenze tecniche e artistiche tra il doppiare un film o una serie tv e doppiare un videogioco. Differenze, pregi e difetti dell’industria del doppiaggio videoludica romana e milanese.

  • Come si lavora col doppiaggio in America, in Giappone e infine in Italia?

  • Lingua originale o lingua italiana nei videogiochi? E l’utilizzo dei “talent” (ovvero di personaggi pubblici non professionisti del settore) nel doppiaggio di un videogame: secondo voi è un bene o un male?

  • Gli errori che nessuno nota: l’emissione della voce, la dizione dei doppiatori, le interpretazioni, i fuori sync e il mix in un videogame. Ci avete mai prestato attenzione? Quanto incidono questi fattori sul videogame che state giocando?

  • Il mestiere del doppiatore e le sue esperienze nell’industria videoludica passate e presenti. Segue contributo audio con intervista ad Alberto Angrisano.

  • Commento generale all’intervista. Si rigira la domanda fatta al doppiatore: Quanti riescono a valutare la bontà di un doppiaggio in un videogioco e su che basi? E’ davvero solo una questione di gusti o c’è bisogno di educare il pubblico ad una maggiore esigenza e settare degli standard qualitativi?

  • Quali sono i migliori e i peggiori doppiaggi di videogiochi delle passate generazioni per voi? C’è mai stato un titolo che ha saputo colpirvi positivamente o negativamente per il suo doppiaggio? (vi ricordiamo inoltre la passata puntata di DVL sul pessimo doppiaggio

  • Cosa ci riserverà il futuro? Come cambierà o evolverà il doppiaggio italiano in vista delle future produzioni sempre più numerose che invaderanno il mercato videoludico? La lingua originale e i sottotitoli sono destinati a prendere maggiormente piede per motivi economici o logistici a scapito del doppiaggio?

Buon ascolto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.