AV 2×05 – Prima Guerra Consolare (seconda parte)

Questa volta i vostri amici di Archeologia Videoludica l’hanno fatta grossa! Hanno deciso di confrontarsi in una sfida all’ultimo sangue, lottando a colpi di pixel, a mazzate di palette cromatiche (giallo vomitino), ad insulti (“molto appropriato, combattono come mucche”), il tutto per difendere il proprio credo videogiochistico contro ogni pregiudizio e le maldicenze dell’illegittimo avversario. Inizia la seconda parte della storia narrata  href=”http://www.archeologiavideoludica.net/2012/01/2×04-prima-guerra-consolare.html” target=”_blank”>a partire della scorsa puntata, la prima vera console war, la madre di tutti gli scontri fra fanboy. Tanta beltade, solo su Italian Podcast Network!

 Sotto la sapiente regia finlandese del buon Andrea “Vintage” Milana e alla mercé di un esaltatissimo Marco “il Distruggitore” Gualdi, ecco ai due angoli del ring Peppe “Professor Jones” Scaletta e Roberto Marcus Brody” Bertoni di Oldgamesitalia, introdotti da un ben microfonato Simone Pizzi, per il quale non sapremmo sprecare ulteriori appellattivi se non “Il Capitano”.
A proposito del Distruggitore, torna alla grande il fumetto d’autore di AV a cura del nostro rompiscatole videoludico, con protagonista uno dei giochi più citati di queste ultime millemila puntate. Siate pronti a piegarvi dalle risa leggendo… Speisinveders! Scaricatelo CLICCANDO QUI.
E allora… che aspettate? La cricca è al completo, l’episodio uno dei migliori che potrete ascoltare. Mettetevi comodi che ci sarà da ridere e nel contempo fare un viaggio affascinante nel mondo vintage dei giochi di due console che hanno segnato il tempo e messo le basi per quello che oggi è l’universo videoludico che conosciamo. Chissà come sarebbe la scena oggi, se quei capolavori non ci fossero stati…
Ci piacerebbe conoscere la vostra opinione in merito: voi, da che parte state? Commentate nel modo che preferite, ad esempio nel topic ufficiale sul forum di OGI. Dai, iniziamo. Fuori i secondi!

Rispondi a theruler Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.